TuttoStort

#TuttoStort

#TuttoStort

Il giornale del Palmo dove le notizie...perdono la forma!

un edizione speciale che merita un introduzione

# UN TARLO NELLA MENTE

Innanzi tutto una felice Pasquetta ovunque voi siate a grigliare!


Solitamente il TuttoStort di Palmo di Camola non ha bisogno di presentazioni ma per chi non lo conosce è una semplice manifesto digitale che riassume le principali notizie della settimana riguardanti le freccette, con un occhio di riguardo a quelle italiane.

Viene pubblicato ogni lunedì sulla nostra pagina facebook e diffuso via whatsapp agli appassionati. Ha un tono spesso scherzoso, più raramente punzecchia ma il tema principale, che poi è quello di FreccetteItalia.it, è quello di unione delle forze che ruotano nel mondo delle freccette.

Per ora ci sono solo i titoli ma in futuro ci saranno, ne siamo convinti, gli articoli; TuttoStort ha l’ambizione di evolvere in un giornale vero e proprio!

Questo numero “speciale” tocca però una zona estremamente seria. Quella del business, del mercato delle freccette Italiane… e quando le cose si fanno serie è conveniente spiegarle. Andiamo quindi a commentare un po' il TuttoStort numero 49.

EVOLUZIONE DI UNA VISIONE: LA FIERA DELLE FRECCETTE

È un po' che ci chiediamo: ”non sarebbe magnifico una 3 giorni stile fiera delle freccette? Nel senso, chiamiamo tutte le organizzazioni, soft, steel, i vari enti sportivi coinvolti ed ovviamente non possono mancare i negozi!

Pensa! ognuno con un suo stand, con magari le federazioni che organizzano piccoli eventi a tema, tornei, le pagine web delle divertenti sfide ed ovviamente promozione a 360° ai migliaia di visitatori. Pensa ai negozi, ognuno con le sue offerte speciali, le sue presentazioni di prodotti esclusivi, ed eventi legati magari ai giocatori che sponsorizzano. Tutti a pari tutti assieme in un’epica 3 giorni di freccette totali!”


Fantasticando su questa meravigliosa ipotesi la prima domanda che ci è venuta in mente è: “siamo certi che chi vive di freccette potrebbe essere interessato ad un’unione d’intenti?”


Guardiamo un po' allo stato delle cose: ogni federazione ha i suoi tornei, ogni torneo è servito da un solo negozio. È chiaro che vi siano degli accordi commerciali e di fiducia ed è normale che sia così.

Quello che abbiamo visto in questi ultimi anni è però un’evoluzione al passo successivo dei vari rivenditori: agli albori semplici commercianti ed importatori di materiale altrimenti introvabile sul mercato italiano, ora stanno diventando veri e propri promotori sponsorizzando direttamente alcuni giocatori in maniera seria ed impegnata e producendo prodotti esclusivi italiani.

A dirla tutta, è possibile che al giorno d’oggi sia proprio lo sforzo economico dei team che guidano queste realtà “italiane” sia uno dei principali artefici dei successi dei nostri giocatori al vertice, principalmente all’estero che è un campo fondamentale ed impegnativo sia per tempo dedicato che per investimento economico.

Tornando alla domandona: “Possibile unire gli intenti?”: SI!.

L’autorizzazione di pubblicare i loro marchi insieme, per la prima volta, su questo TuttoStort può essere una prima risposta…e a noi piace moltissimo!

@Tuttostort Darts Newspaper #diffondiamolanostrapassione Dennis Zakkaria Bolzicco